Vita della Scuola

Durante la giornata, nella nostra scuola dell'infanzia i bambini hanno ampia possibilità di relazionarsi e giocare con gli altri, apprendere e divertirsi nel contempo!

           

                                                       

 

Il mese di settembre è dedicato all’inserimento dei bambini: quelli che già hanno frequentato e che devono riabituarsi ai ritmi e alle regole della vita comune; quelli che iniziano la loro avventura nella scuola e che gradualmente vengono introdotti.

L’attenzione al bambino nella sua individualità passa attraverso una frequenza iniziale con orario ridotto alla quale si aggiungono gradualmente i momenti del pasto fino al raggiungimento dell’orario completo.

Il primo giorno per i nuovi c’è un momento di accoglienza in sezione preparato dalle insegnanti con i bambini già frequentanti che finisce poi in giardino con una merenda insieme ai genitori.

Al termine di questa prima fase (mese di ottobre) sono previsti:

• Festa dell’accoglienza con castagnata con tutti i bambini e i genitori della scuola.

• Assemblea generale con i genitori presieduta dal gestore della scuola che ci aiuta in una riflessione educativa e dalla direttrice che comunica il tema generale che ci accompagnerà durante l’anno scolastico.

• Verifica delle abilità di partenza dei bambini dell’ultimo anno tramite “il pacchetto di segni e disegni”. Questo strumento verrà utilizzato anche durante il mese di maggio per la valutazione finale dei bambini che andranno alla scuola primaria.

La festa di Natale costituisce un momento di sintesi della prima parte del percorso formativo e un momento di grande coinvolgimento della famiglia.

A gennaio si svolge un collegio docenti di valutazione per giudicare la proposta educativa sviluppata, la qualità di relazione con i bambini e tra gli adulti e l’esperienza vissuta, così da poter impostare lo sviluppo del percorso e il momento del colloquio individuale con i genitori che ci sarà in febbraio.

A giugno viene organizzato un incontro per i genitori dei bambini nuovi iscritti nel quale si aiuta a riflettere sul tema dell’inserimento a partire dai compiti specifici dell’adulto nei confronti del bambino e s’inizia il cammino di costruzione della relazione di fiducia tra insegnanti e genitori, attraverso una prima conoscenza reciproca. In questa circostanza le insegnanti definiscono gli appuntamenti per i colloqui d’inserimento in accordo con i genitori.

In questo mese, poi, si svolgono iniziative di raccordo concordate con la scuola primaria: le insegnanti che già durante l’anno vengono per conoscere i bambini nella nostra scuola ci invitano ad andare a visitare la scuola primaria dove sono accolti e introdotti alla conoscenza dell’ambiente che li ospiterà a settembre.

Nel mese di giugno sono previsti:

• colloqui con i genitori per la valutazione finale dell’anno scolastico. Durante questo colloquio viene consegnata ai bambini la Documentazione del percorso educativo fatto alla scuola materna.

• festa di fine anno durante la quale vengono consegnati Diploma e cappellino come segno di un’avventura che si chiude per lasciare il posto a un’altra.

C’è un evento che segna, riassume e rilancia il senso della scuola come luogo: è la festa. La festa riguarda la scuola. Dà la misura della permanenza di un fatto irrinunciabile per noi: l’appartenenza ad una comunità. È un momento in cui presenze diverse riaffermano il valore riassumibile nella frase “La nostra scuola”. Alla nostra festa sono invitati i nonni, i parrocchiani, i volontari che ci hanno aiutato durante l’anno. È un popolo che sente che i più piccoli sono “fragili” perché piccoli, ma destinati a crescere e sono la speranza, sono la possibilità che il mondo conservi il proprio volto umano, cioè cristiano.

• colloqui con le insegnanti della scuola primaria per un passaggio di informazioni necessarie per la formazione delle classi.

Tra giugno e luglio, poi, le insegnanti s’incontrano con i genitori dei nuovi iscritti per un primo colloquio di inserimento.

L’attività termina il 30 giugno e nel mese di luglio la frequenza è facoltativa e vengono svolte attività alternative estive.